Home News Verona-Salernitana: la cronaca di Affannati Mentali

Verona-Salernitana: la cronaca di Affannati Mentali

Riviviamo in chiave satirica Verona-Salernitana rileggendo le azioni salienti del match...

529
0
Verona-Salernitana: la cronaca affannata | Affannati Mentali
verona salernitana la cronaca affannata affannati mentali
Tempo di lettura: < 1 minuto

La Salernitana sbanca Verona e torna al successo esterno 11 mesi dopo il colpaccio di Lecce. Possibile concentrare tutte le trasferte tutte inverno? Queste le azioni salienti.

INIZIO PRIMO TEMPO

Verona e Salernitana si studiano. Rimandate entrambe.
20° Occasione Salernitana! Cross di Candreva. Tchaouna di testa mette fuori di poco. Brividi sugli spalti e nelle pizzerie di New York.
42° Doppia occasione Salernitana! Tiro a pelo d’erba di Simy, Montipò sventa un’inopportuna convocazione per la Coppa d’Africa.
43° Sul calcio d’angolo, Kastanos ha una buona occasione dalla sua mattonella: quella dove sbaglia i gol facili.
Squadre a riposo, la sensazione è che serva un episodio per sbloccarla.

INIZIO SECONDO TEMPO

48° GOL SALERNITANA. TCHAOUNA
Episodio che stranamente va dalla parte giusta. Ottima transizione di Candreva e Kastanos, parla che arriva a Tchaouna, che salta Tchachoua e deposita nell’angolino. Azione che fa la gioia dei telecronisti cinesi. Come contro la Samp in Coppa Italia, l’esterno francese sfrutta al meglio la sua situazione tattica preferita: giocare contro difensori scarsi.
58° Legowski sostituisce Kastanos nel ruolo di quello che arriva sulla tre quarti ma poi sbaglia l’ultimo passaggio.
87° Ikwemesi rileva Simy, facendo battere a mister Inzaghi il record locale di bestemmie consecutive. Risultato considerevole, considerando che siamo a Verona.
94° Lassana si invola verso l’area avversara in un due contro uno facile facile (cit. Zio Bergomi). Talmente lento che hanno tutti bestemmiato contro DAZN: pensavamo fosse la connessione e, invece, era Coulibaly.
95° Occasione Verona all’ultimo! Colpo di testa ravvicinato di Henry, Costil devia, Ngonge si inserisce nell’azione, ma sbaglia perché non ha mai giocato in Ligue1.

TASTO STOP
VERONA SALERNITANA 0 1

Due anni fa la prima vittoria dell’era Iervolino.
L’anno scorso l’ultima sconfitta di Nicola.
Quest’anno l’ultima vittoria dell’anno.
Il mondo, dopo Verona-Salernitana, non è mai più lo stesso.

Articolo precedenteLa moviola di Verona Salernitana
Articolo successivoL’uomo della settimana: Valentin Castellanos
Anche meglio del pallone vero... La Salernitana come non l'avete mai vista.