Home News SPAL, Marino in conferenza: “Salernitana squadra solida. Occhio agli esterni”

SPAL, Marino in conferenza: “Salernitana squadra solida. Occhio agli esterni”

Verso Spal-Salernitana. La conferenza stampa del tecnico Pasquale Marino in vista dell'anticipo di domani sera allo stadio "Mazza"

450
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo i successi con il Vicenza, a Crotone in Coppa e a Reggio Calabria, la Spal riceve la Salernitana che, indipendentemente da come finirà la querelle legata alla gara con la Reggiana, può essere considerata come la capolista. La gara con i granata, dunque, potrebbe rappresentare per la Spal un’occasione per dimostrare, specie a chi ha puntato l’indice sulla carenza di gioco e soprattutto di compattezza nonostante gli ultimi risultati positivi, che può legittimamente aspirare a collocarsi stabilmente nei piani nobili della classifica. Queste le parole di mister Pasquale Marino sull’attuale momento attraversato dalla sua squadra:

«Sarebbe per noi molto importante conquistare un altro risultato positivo e proseguire nella nostra crescita. Abbiamo ancora ami margini di miglioramento. Dobbiamo sfruttare meglio le opportunità che creiamo e non limitarci a contenere i nostri avversari, come accaduto in alcune fasi a Reggio Calabria, dove comunque abbiamo rischiato poco. Il rigore non c’era, Denis ha colpito il palo su un’azione viziata da un fuorigioco. Per il resto abbiamo concesso solo un paio di conclusioni da fuori area.»

Sull’assenza per squalifica di Castro e sui problemi in fase realizzativa: «Dispiace per la squalifica di Castro. La società dovrebbe presentare ricorso, speriamo gli venga ridotta la pena. Il gol non è un grande problema. Le reti stanno arrivando dai centrocampisti, al termine di manovre che vedono coinvolti tanti nostri giocatori e con tante presenze anche in area. E’ un aspetto che mi piace evidenziare. Significa che il lavoro inizia a pagare. Prima o poi arriverà anche il gol di Sebastiano Esposito. Importante è che riesca a crearsi le opportunità, come a Reggio, dove è stato bravo il portiere. Poi non scordiamo le tante assenze con cui ancora dobbiamo fare i conti. Comunque, per sostituire Castro abbiamo varie soluzioni. Valoti o lo stesso Missiroli o anche Murgia potrebbero giocare in posizione più avanzata, ma abbiamo anche l’opportunità di giocare con tre attaccanti, vista la disponibilità di D’Alessandro.»

Sulla Salernitana: «La Salernitana è una squadra solida. Dovremo fare attenzione alla velocità sugli esterni di Kupisz e Cicerelli e in attacco alla coppia Djuric-Tutino, molto ben assortita.»

Articolo precedenteSpal-Salernitana, fischia Pezzuto: precedenti pessimi per i granata, ben otto sconfitte
Articolo successivo“Troppe parole in libertà sul caso Salernitana- Reggiana”
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.