Home News ALESSANDRO MICAI SFORNA UNA GRANDE PRESTAZIONE… CULINARIA!

ALESSANDRO MICAI SFORNA UNA GRANDE PRESTAZIONE… CULINARIA!

L'estremo difensore della Salernitana ricorre ad un simpatico escamotage per tornare a far parlare di sè. La lontananza dal campo ha alimentato in Alessandro Micai un forte appetito di ... pesce al forno!

531
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’ultima apparizione in campo per Alessandro Micai – estremo difensore granata – risale alla giornata del suo compleanno, l’ormai lontano 24 Luglio 2020, contro la formazione Toscana dell’Empoli. Il portiere della Salernitana da quasi cinque mesi, risulta non chiamato in causa dal trainer Castori che, non lo convoca e/o non lo schiera in campo, per valutazioni e decisioni tecnico-tattiche.

L’estremo difensore vede, così, quello che era il caldo ricordo della sua figura tra i pali, raffreddarsi sempre più, mentre si congela, in linea con la stagione entrante e le temperature in forte ribasso, la sua posizione tra la panchina e la tribuna. Cresce intanto il malcontento che, già ad inizio stagione calcistica, era preannunciabile.

Il manto erboso, vissuto solamente per le sedute di allenamento, spesso, in supporto dei due colleghi di reparto:  Belec e Adamonis, sta sviluppando forte demotivazione e scoraggiamento nell’animo del portiere dalle origini Mantovane.

Micai, digiuno da ormai troppo tempo, decide di rompere il silenzio e ironizza la sua condizione da atleta, sul proprio profilo di Instagram. Dato il forte appetito, non sapendo quando e come potrà sfornare prestazioni ufficiali nel corrente campionato cadetto, pensa bene di dare versatilità ai suoi guantoni, utilizzandoli per sfornare – in tutti i sensi – una gustosa pietanza: pesce al forno!!!

In questo periodo particolare, Alessandro simpaticamente preferisce alimentare l’ironia ed il suo appetito a tavola, piuttosto che, il dispiacere nel non vedersi più protagonista, in un modo o nell’altro, sul rettangolo di gioco.

© solosalerno.it – tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Articolo precedenteVenturato: “Salernitana ottima squadra. Non mi sorprende che sia prima”
Articolo successivoPasticci, dispetti, inadeguatezza: se il calcio diventa un gioco per “giocherelloni”
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!