Home Editoriale Tutto falso, tutto vero.

Tutto falso, tutto vero.

La notizia di un possibile passaggio di proprietà della Salernitana ha incendiato l’arena social, consumato polpastrelli, scaricato batterie degli smartphone.

796
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Un tempo c’era il bar Spotting, e la macchia d’olio si spargeva da lì. Fotografia sbiadita di un’epoca – occorre farsene una ragione – passata.

I rumors di casa granata – da tempo, ché siamo quasi al 2021 –passano altrove: dai media, dai social network.

Un’apparente democrazia che porta con sé l’incauta tentazione di volerla governare, indirizzare, magari disprezzandola in pubblica piazza.

Buongiorno, e sveglia. Non si può, soprattutto se non si sa.

È per questo che ieri la notizia – mica tanto fresca – di un possibile passaggio di proprietà della Salernitana ha incendiato l’arena social, consumato polpastrelli, scaricato batterie degli smartphone.

Fino alla stringata, e piccata, smentita dell’organ house che chiude – temporaneamente, e anche di questo bisogna farsi ragione – la questione.

Chiusa la questione resta, inevitabilmente, l’osservazione di una pianta cresciuta rigogliosa, portatrice di un frutto anomalo.

Ma, per comprendere il frutto, occorre guardare il terreno.

Humus fertilissimo e sapientemente coltivato, irrigato con espressioni infelici, non di rado grammaticalmente instabili.

Basta guardarlo, questo frutto anomalo, ché ad assaggiarlo ci vuole fegato.

Nasce innanzitutto in tempo strano. I numeri raccontano che questo è il miglior inizio stagionale da tempo immemore, che la Salernitana prova la fuga.

Se questo, epocale, evento scivola in seconda fila, di chi la colpa?

È questione di humus. Sarebbe triste evento se dieci partite cancellassero cinque anni di pessima gestione, bastassero a rimarginare la profonda ferita del finale di stagione ultimo.

L’espressione “fattori imponderabili”, che si vorrebbe abolita per decreto regio, non sono stati i tifosi a coniarla.

I tifosi hanno ascoltato, e letto. Tutto. Il comunicato di ieri e quello proveniente da Villa San Sebastiano.

Porre attenzione, spiace dirlo, non è colpa passibile di querela.

Altra anomalia di questo frutto alcune reazioni scomposte e nervose.

Se, per plebiscitario convincimento, la multiproprietà è qualcosa di non più ricevibile sul territorio salernitano – e nazionale – da dove nasce tanto nervosismo per un possibile superamento della questione?

Insomma – la tiro giù piatta piatta per evitare fraintendimenti – è tempo di sancire l’ovvio. Si tifa per la Salernitana, non per il temporaneo gestore od il management. E questo ieri, oggi. E domani, qualsiasi cosa accada.

Perché, allora, tanto nervosismo?

Quanto all’ultima anomalia – i tempi di diffusione della bolla mediatica esplosa ieri – non si può per l’ennesima volta dare colpa a chi ha fatto il proprio mestiere, o al tifoso che ha commentato.

Se si tratta di illazione si denunci – quello che per alcuni è Passione per altri significa impresa, con tutte le implicazioni del caso – se, per ipotesi, è fuga di notizie, beh, bisognava pensarci prima.

Ma questa è fantascienza, sulla base del temporaneamente definitivo comunicato.

Che, a scanso di equivoci, era obbligatorio. Non doveroso, non formale. Obbligatorio.

Poco utile quindi, sulla scorta di desideri o sentimenti, acquistare fuochi d’artificio o sfasciare rabbiosamente casa.

Più serio mantenere i piedi saldi su un humus che da tempo si è stratificato e compattato.

Sul mio personale c’è il rifiuto della multiproprietà ed il necessario reset globale del management.

Non lo smuove una zuccata di Bogdan o la direzione del vento.

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.