Home News Ultras Salerno, è la resa dei conti: duro comunicato nei confronti di...

Ultras Salerno, è la resa dei conti: duro comunicato nei confronti di Club e amministrazione comunale.

9509
0
La coreografia della Curva Sud Siberiano Salernitana - Palermo - Serie BKT - 2018/19 Salerno, 25.08.2018 - Stadio Arechi Foto: Nicola Ianuale / Photo Ianuale©
Tempo di lettura: 2 minuti

Una manciata di giri di lancetta alle forche caudine del 3 luglio. Fra gli ambienti del tifo organizzato, tuttavia, non è la paura a far da padrona: è la rabbia, piuttosto. Troppe parole spese, troppe pantomime, nugoli di faccendieri a banchetto sulle spoglie della Salernitana. Alcun appello concesso a chi ha barattato la Salernitanità con degli squallidi buoni pasto.

Le anime del tifo granata – Direttivo Salerno, Centro Storico, Fedelissimi, Quelli di Milano, Vecchi Ultras ’77, Old Clan, C.C.S.C. – hanno redatto un comunicato dai toni molto duri. Nel mirino la società uscente, la dirigenza, l’amministrazione comunale e tutte le varie componenti che hanno concesso appezzamenti di terreno e dignità al trio romano.

Non c’è più tempo, Salerno è stanca. Salerno ha parlato:

“Siamo rimasti in silenzio affinché nessuno ci strumentalizzasse.
Sono arrivate le scadenze decisive.
Nessuno si dolga del parlar chiaro: è fatto per gli amici.

Sappiate quanto segue.
Giammai grideremo Forza Gravina: la Figc è compartecipe e correa della multiproprietà, contro la quale ci siamo battuti senza che mai ci abbia dato ascolto.
Giammai grideremo abbasso Gravina: Lotito non merita nessuna sponda, non la troverà.

È giunta l’ora in cui il problema non è più solo il nostro. Gravina e Lotito stanno affogando nella pozzanghera di letame da essi stessi prodotta: verso la quale non tenderemo la mano.

Chi dei due la afferrasse, ci sporcherebbe.

Se sarà trust, il problema multiproprietà non sarà inteso risolto, e la linea non cambierà: contestazione e lotta fino alla definitiva, reale cessione, che dovrà palesemente rappresentare una rottura col passato.

Intendiamo a riguardo essere semplici e diretti: se chi intende acquistare confermerà Fabiani e porrà in essere qualsivoglia continuità gestionale col passato sarà considerato nemico di Salerno e come tale sarà trattato. In tal caso, presseremo il Comune affinché neghi l’Arechi.

I politici Salernitani, di qualunque schieramento, sono invitati a restare in silenzio, come fatto finora.

Non prendiamo in considerazione cosa accadrebbe in caso di mancata iscrizione ma fidatevi: non vi piacerebbe saperlo.

Adesso che sapete come la pensiamo, fateci sapere cosa pensate di fare”.

Articolo precedenteL’avvocato Colucci: “Trust, questione etica più che giuridica: credibilità ed indipendenza sono elementi indispensabili”
Articolo successivoIl Romanzo dei Popoli