Home Breaking news Gasperini: “All’Arechi gara delicata. Abbiamo tutto da perdere”

Gasperini: “All’Arechi gara delicata. Abbiamo tutto da perdere”

Verso Salernitana-Atalanta, le dichiarazioni nella conferenza stampa pre-match del tecnico della "Dea" Gian Piero Gasperini

1031
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Intervenuto nel corso della conferenza stampa di presentazione del match tra Salernitana e Atalanta, in programma domani sera allo stadio Arechi, l’allenatore della “Dea”, Gian Piero Gasperini, ha così parlato dei suoi prossimi avversari:

«In questo campionato tutte le partite sono difficili. Quella contro la Salernitana è la terza in otto giorni, e sarà un bel test per capire cosa possiamo fare in campionato. Incontriamo un ambiente che ha grande entusiasmo. Sarà sicuramente una gara delicata, abbiamo tutto da perdere. Loro sono partiti con tre sconfitte, e se hanno perso queste 3 gare qualche problema c’è. Non so se cambieranno modo di giocare, ma noi dobbiamo essere molto elastici. Dobbiamo pensare soltanto a giocare e a fare possibilmente bene».

Sull’eventuale turnover e su Muriel: «Ho sempre cercato di utilizzare i cambi, un po’ di rotazioni ci sono sempre. La prossima può essere la gara di Koopmeiners. Non è così scontato il suo inserimento ma, proprio perché è un giocatore di valore, bisogna prendersi anche dei rischi. Vediamo domani. In ogni caso, la gara col Villarreal è stata molto impegnativa. La Champions ti dà molto, ma ti leva molte energie. Stanno tutti particolarmente bene, c’è solo la squalifica di De Roon. Muriel sta migliorando. Nelle prossime settimane avremo le idee più chiare e cercheremo di capire come sta».

Su Ilicic: «Vedo un giocatore molto positivo e con molta voglia di essere protagonista. Vuole tornare a dare qualcosa di importante. Sta lavorando bene, dobbiamo recuperarlo sotto l’aspetto atletico e fisico. Ha qualche chilo da togliere, cosa che gli impedisce di avere grande continuità. Non è ancora pronto per giocare 90′, lo sarà andando avanti nella stagione. È ancora capace di fare cose fondamentali per noi. Giochiamo ogni tre giorni, ma per come siamo strutturati è dentro tutte le partite. La disponibilità del giocatore è totale».

Infine, il pensiero su Franck Ribery: «La carta d’identità è quella, ma può essere un giocatore trainante sotto ogni punto di vista».

Articolo precedenteUFFICIALE – Salernitana, nonostante tutto riecco Cedric Gondo
Articolo successivoNuove guide ed Europa alle spalle, il menù della quarta giornata
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.