Home Breaking news Diario Mundial: Terzo impegno per Bronn e Piatek

Diario Mundial: Terzo impegno per Bronn e Piatek

I due granata attesi dall'ultimo impegno della fase a gironi. Tunisia ad un passo dall'eliminazione, Polonia ancora in corsa

316
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Match di cartello, quest’oggi, per Dylan Bronn e Krzysztof Piatek. I due granata, infatti, dovranno vedersela con due delle squadre maggiormente indiziate per la vittoria finale e che rispondono rispettivamente ai nomi di Francia ed Argentina.

La Tunisia per l’impresa

Mission Impossible, per le Aquile di Cartagine. Ultimi ad un punto congiuntamente alla Danimarca, i tunisini dovrebbero compiere una vera e propria impresa calcistica battendo i transalpini campioni in carica di due o più gol. Allo stesso tempo, Bronn e soci dovrebbero sperare in un contemporaneo pari tra i danesi e l’Australia che permetterebbe loro di approdare agli ottavi per differenza reti. Le speranze, oggettivamente, sono ridotte al lumicino ma nel calcio mai dire mai.

La Polonia sfida Messi

Se la situazione per la Tunisia non è delle migliori, quella in cui versa la Polonia è di totale equilibrio visto che tutte le quattro squadre sono ancora in corsa. Trovandosi momentaneamente in prima posizione, a Lewandoski e soci basterebbe un pareggio (o naturalmente una vittoria) contro l’Argentina per ottenere il pass qualificazione. In caso di pareggio, il rischio per i polacchi è quello di essere superati dall’Arabia Saudita o dal Messico a seconda del risultato e della differenza reti. Se, invece, le Aquile bianche dovessero essere sconfitte, la speranza dell’approdo agli ottavi sarebbe riposta in una vittoria dei messicani purché quest’ultimi non si impongano in goleada che ribalterebbe tutto in tema rapporto gol siglati e subiti.

Articolo precedente«Scusa se non mi alzo». Lettera al Calcio che va —finalmente— altrove
Articolo successivoSalernitana, vacanze finite: ecco il programma alla ripresa degli allenamenti
Tutto in 90 minuti: per me il calcio è tutto il mondo che sta all'interno di quell'ora e mezza (più recupero). Sono un grandissimo appassionato del gioco del calcio, indipendentemente dai colori: semplicemente, sono innamorato del gioco. Ho iniziato questo "viaggio" a 17 anni, poi l'avventura con il Quotidiano del Sud e SalernoSera a 20, ora sono il telecronista di SoloSalerno. L'obiettivo è migliorare sempre più.