Home Editoriale UILDM di Salerno in visita al Mary Rosy, scambio di doni con...

UILDM di Salerno in visita al Mary Rosy, scambio di doni con la Salernitana

Nel pomeriggio la Salernitana ha accolto l'associazione della presidentessa Elvira Rizzo al centro d'allenamento Mary Rosy. Un pomeriggio all'insegna della solidarietà e dello scambio dei doni tra gli invitati ed i granata.

751
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Questo pomeriggio, presso il centro d’allenamento Mary Rosy, c’è stato un incontro tra la Salernitana e le strutture di Rete Solidale Salerno, in particolare con la sezione UILDM (unione italiana lotta alla distrofia muscolare) la cui presidentessa è Elvira Rizzo.

Nicola si è mostrato sin da subito disponibile, si è seduto assieme ai ragazzi dei centri e si è intrattenuto in un simpatico scambio di battute. Ha risposto alle innumerevoli domande dei ragazzi presenti come se si stesse svolgendo una vera conferenza stampa. Non sono mancate curiosità relative a temi tattici, obiettivi stagionali e i rumors di calciomercato. A queste ultime domande il mister ha risposto con la consueta diplomazia.

Sono intervenuti per una foto ricordo anche Diego Valencia e Federico Fazio. I bambini, con entusiasmo, hanno chiesto al comandante se si sentisse anche lui un po’ Campione del Mondo, il numero 17 granata ha risposto con un sorriso smagliante.

In conclusione, c’è stato un emozionante scambio di doni tra la Salernitana e tutti gli invitati. Tra i regali spiccava un cornetto portafortuna in ceramica, lo stesso è stato realizzato nei laboratori dai ragazzi coinvolti. L’oggetto è stato particolarmente apprezzato da Nicola, il quale ha commentato: «Ne abbiamo davvero bisogno».

Articolo precedenteCalciomercato, sul taccuino granata anche Ehizibue ed Arslan
Articolo successivoMessa dello sportivo: alla funzione voluta dal Centro Storico, presente l’ad Milan. “Importante il legame con la comunità di Salerno, svilupperemo progetto con gli oratori. E sul futuro…”
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!