Home Editoriale Il designato speciale

Il designato speciale

La scheda di Daniele Orsato di Schio, arbitro della sfida di domenica pomeriggio, Spezia Salernitana

443
0
Daniele Orsato
Daniele Orsato
Tempo di lettura: 2 minuti

Sarà Daniele Orsato di Schio, classe 1975, l’arbitro di Spezia e Salernitana. Un match di assoluta importanza in chiave salvezza, non a caso, Rocchi ha deciso di blindare la gara designando il miglior fischietto italiano in circolazione.

Orsato – nella vita privata elettricista – appartiene alla Can dal 2006 e nel campionato di massima serie vanta oltre 260 presenze; internazionale dal 2010, ha superato abbondantemente quota cento tra Champions – dirigendo la finale nel 2020 – ed Europa League. Sempre in ambito Uefa ha partecipato agli europei Euro 2020. Insieme a Massa, è uno dei due arbitri italiani appartenenti alla categoria Élite Uefa.

In ambito Fifa, invece, ha partecipato come VMO (Video Match Official) ai mondiali Russia 2018 e, recentemente, ha rappresentato l’Italia ai mondiali “Qatar 2022” dirigendo Qatar-Ecuador (gara inaugurale), Argentina-Messico e la semifinale Argentina-Croazia. 

Nel 2020 è nominato miglior arbitro al mondo dall’IFFHS, l’organismo che si occupa delle statistiche e dei record della storia del calcio con giurisdizione mondiale più importante dopo la FIFA. 

Al di là di un curriculum che parla da sé, Daniele Orsato rappresenta – realmente la punta di diamante dell’attuale categoria arbitrale italiana ed internazionale. Antipatico agli occhi dei tifosi – addetti ai lavori più ‘faziosi’, soprattutto per quel famoso Inter Juventus del 2018, che tanto ha pesato sulla sua reputazione con il susseguirsi degli anni.

Chiunque abbia vissuto in prima persona l’attività arbitrale o, semplicemente, abbia un minimo di sale in zucca sa benissimo che non ci si può basare unicamente su una partita diretta male per giudicare un arbitro. Un arbitro che, paradossalmente, è apprezzato più a livello internazionale che italiano.

Orsato, al netto delle antipatie personali, è dotato di tutto ciò che un ‘A’rbitro ha bisogno: esperienza, competenza, personalità ed un ascendente sui calciatori che lo rendono ‘unico’ nel suo genere

In bocca al lupo, Daniele!

Articolo precedenteTonny Vilhena, la ‘croce’ che può trasformarsi in costante delizia
Articolo successivoSettore giovanile – Le gare dei granatini nel week-end
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]