Home News Di Francesco: «Salernitana squadra arrabbiata. Hanno una precisa identità. Dai miei mi...

Di Francesco: «Salernitana squadra arrabbiata. Hanno una precisa identità. Dai miei mi aspetto grande attenzione».

397
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Mister Di Francesco ha parlato alla vigilia della gara di domani con la Salernitana. Il trainer del Frosinone ha speso belle parole sulla Salernitana, nonostante la sconfitta interna di lunedì sera:

«Troveremo una squadra arrabbiata che vuole i tre punti lo hanno detto pubblicamente. Per loro è importante ma anche per noi è importantissima. Dobbiamo impattare bene a questa gara, non lo abbiamo fatto contro il Sassuolo. La Salernitana non doveva perdere a Lecce per me, sanno aggredire e attaccare bene gli avversari. Hanno gente interessante davanti e sugli esterni. L’avversaria va presa con le molle, hanno un allenatore che dà una precisa identità che porta la squadra ad aggredire gli avversari alti. Ed è sempre necessario per noi rimanere in partita, qualsiasi cosa possa accadere soprattutto nella prima mezz’ora»

Come i granata, anche il Frosinone dovrà fare la conta dei disponibili:

«Per quanto riguarda gli infortunati stiamo valutando il discorso Harroui, se fare una conservativa o un’operazione. Entro fine settimana decidiamo. Gelli non ci sarà per un periodo, valutiamo settimana per settimana. Ci auguriamo di riaverlo in breve tempo anche per non fargli prendere la strordinaria condizione che aveva. Gli ultimi arrivati stanno meglio sono cresciuti a livello di intensità, vediamo se farli giocare dall’inizio o meno. Ci sono alternative come Garritano o Brescianini per sostituire gli infortunati vediamo»

Il Frosinone viaggia sulle ali dell’entusiasmo dopo l’exploit contro il Sassuolo. Obiettivo continuità per i canarini:

«Come idea spero come il secondo tempo di domenica anche perché abbiamo commesso degli errori in fase difensiva nel primo tempo. Secondo me abbiamo fatto bene anche nel primo ma siamo stati lenti nella velocità di esecuzione delle giocate.A volte abbiamo svuotato il centrocampo e il Sassuolo due volte ci ha fatto gol e in un paio di altre occasioni non ci hanno punito. C’era grande entusiasmo a fine gara ma tutto l’ambiente deve restare con i piedi per terra. Le gare come quelle di domani sono molto importanti. Bisogna avere sempre lo stesso mordente avuto nelle gare precedenti. Stiamo facendo bene ma non dobbiamo mollare la presa»