Home Schede Tecniche La vivace versatilità tattica di Nicolussi Caviglia per il centrocampo granata

La vivace versatilità tattica di Nicolussi Caviglia per il centrocampo granata

Nicolussi Caviglia è un centrocampista completo, possiede mezzi tecnici significativi, duttilità tattica, dinamismo e personalità da vendere.

760
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Nicolussi Caviglia è profilo calcistico che potrà sicuramente fornire un interessante contributo alla causa granata.

Centrocampista completo, accompagnato dal desiderio perenne di accelerare tappe di crescita rese ardue da incredibili contrattempi di natura fisica post operatori, possiede mezzi tecnici significativi, duttilità tattica, dinamismo e personalità da vendere.

I suoi approcci alle gare non presentano indolenze, sono connotati da intraprendenza e desiderio di stupire. In campo lavora per procacciarsi la possibilità di incidere con spunti qualitativi, sia in termini di conclusioni in porta sia sotto forma di assist da servire ai compagni. Il tutto supportato da discrete dosi di corsa e temperamento.

Pretendere che diventi in fretta leader indiscusso sarebbe ingeneroso, ma il ragazzo troverà tempi e modi per mettere in mostra le sue qualità calcistiche.

Nel 3 5 2 di Nicola, il virgulto juventino può operare sia da interno nella linea intermedia, sia alle spalle di un’unica punta.

Nelle varianti più offensive del modulo, ossia il 3 4 3 e il 3 4 1 2, l’ex perugino potrà agire sugli esterni del tridente d’attacco e a supporto delle due punte, riuscendo a garantire anche la fase difensiva.

Decisamente funzionale anche nei sistemi di gioco che presentino una retroguardia incardinata su quattro interpreti. Nel 4 4 2, infatti, egli può giocare da esterno di centrocampo, centralmente ed anche alle spalle di una prima punta.

Nel 4 3 3, la sua polifunzionalità lo aiuterebbe a disimpegnarsi da mezzala e da esterno alto.

Nel 4 3 1 2, infine, potrebbe essere impiegato sia da mezzala che da trequartista.

Per il ragazzo, quindi, si aprono spazi importanti con la maglia granata. La testa per imporsi è quella giusta, altrettanto importante sarà assecondare la sua crescita, senza gravarlo di eccessive pressioni.