Home Schede Tecniche Serie B, la Top 11 del 31° turno: Ndoj sugli scudi, Nalini...

Serie B, la Top 11 del 31° turno: Ndoj sugli scudi, Nalini redivivo

La "Top 11" del 31° turno del campionato di Serie B. Ndoj e Cistana trascinatori, Nalini ritrovato. Kone decisivo

355
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Con il 31° turno del campionato di Serie B andato in archivio, ecco la nostra “Top 11” di giornata, schierata con il 4-3-3.

BARDI (Frosinone): Sempre pronto quando viene chiamato in causa, decisivo in almeno due circostanze tra primo e secondo tempo.

MAGGIO (Lecce): Puntuale nel farsi trovare dai compagni a ricevere le aperture che il Lecce porta dalle sue parti, ma anche insolitamente impreciso nel controllo palla. Inizia a carburare col passare dei minuti e trova il gol del raddoppio, terzo sigillo personale in stagione, che chiude la partita.

SCAGLIA (Monza): Non perfetto, come il compagno di reparto, in fase di copertura. E’ lui, però, a regalare ai biancorossi il gol del pareggio, che rende leggermente meno amaro il week end dei brianzoli.

CISTANA (Brescia): Sempre fondamentale in fase difensiva con almeno un paio di interventi decisivi. Trova anche il gol in una delle sue proiezioni offensive. Imprescindibile.

DI CHIARA (Reggina): Dimostra da subito di poter far male con le sue incursioni mancine, ed infatti impatta come meglio non potrebbe la corta respinta del portiere insaccando la sua prima, importantissima segnatura in maglia amaranto.

KONE (Cosenza): Viene gettato nella mischia con minimo preavviso al 32′ del primo tempo, ma lui ripaga la fiducia con un chirurgico sinistro all’angolino che regala ad Occhiuzzi una vittoria fondamentale in ottica salvezza.

NDOJ (Brescia): Una doppietta favolosa con due destri a giro in fotocopia che finiscono all’incrocio dei pali a sugellare l’ennesima prestazione maiuscola del centrocampista di origini albanesi.

BUSELLATO (Pescara): Tanta sostanza davanti alla difesa, in cui scherma in fase di non possesso e accompagna l’azione offensiva. Certifica la vittoria con il gol del 3-1 finale in contropiede.

NALINI (Vicenza): Match winner della gara e costante spina nel fianco della difesa avversaria. Non ha ancora i novanta minuti nella gambe, ma l’ora in campo basta a fare la differenza. Ritrovato.

PETTINARI (Lecce): Gol con dedica a Marco Mancosu per l’attaccante romano che segna la sua terza rete stagionale e per di più di destro, non il suo piede d’elezione, interrompendo la serie di 7 gare senza reti al passivo della Salernitana.

GALANO (Pescara): Un gol segnato, con un inserimento perfetto, e uno sfiorato. Sempre in partita e, soprattutto, sempre pronto anche nella fase di non possesso.

Articolo precedenteSalernitana-Frosinone, arbitra Ayroldi di Molfetta.
Articolo successivoSalernitana, i convocati di Castori: fuori in sette, rientra Adamonis. Dentro anche Barone e Antonucci
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.